Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

TREKKING nella natura incontaminata del LINAS

Sentiero 108

Piazzale GIARRANAS (360 m s/l/m) - Cime del SANTU MIALI
(Su Cùccuru de sa Cresia 1057 m s/l/m, Sa Pinneta de Mesu o Su Cùccuru de Mesu 1062 m s/l/m,
Sa Pinneta de Tuvarutas o Su Cùccuru de Tuvarutas 1047 m s/l/m,
Sa Punta de Genn’ ‘e Àrcuis 1033 m s/l/m) Cùccuru Frissa (924 m s/l/m)

 

GiarranasDalla cascata della Spendula si va verso Villacidro, si prosegue salendo dopo la croce di SEDDANUS verso l’impianto di potabilizzazione dell’E.S.A.F., si procede verso Giarranas (Genn' 'e Arra'), nello spiazzo presso le antenne della TELECOM, a Giarranas.
Nel piazzale delle antenne di Giarranas, sotto le Campanas de Sisinni Conti (540 m s/l/m) si lasciano le auto e si prosegue a piedi. (Cartina)

GiarranasCome indicato dall'apposito cartello il primo tratto, fin oltre lo sbarramento della diga sul Rio Coxinas, è in comune con il sentiero 108 che porta alle Punte di S. Miali (1062 m s/l/m).

Il percorso è agevole, infatti si segue una stradina ottenuta con gli scavi a suo tempo effettuati per la sistemazione dei tubi della condotta che dalla diga portano l'acqua al potabilizzatore dei paesi.

I tornanti si snodano tra una bellissima copertura vegetale di specie della macchia mediterranea: leccio, sughero, corbezzolo, lentischio, cisto, lavanda, fillirea e, sicuramente eccezionale per quantità e magnificenza, la rappresentanza dei ginepri.

Dall'alto si ammira il corso del fiume tra splendidi massi granitici lavorati dallo scorrere dell'acqua che, poco più a valle, forma il salto della cascata Sa Spendula.

CoxinasUn po’ prima dello sbarramento in cemento armato, si devia su un ripido sentiero a sinistra della montagna e si giunge a Coxinas, sopra l’invaso.

Questo tratto è molto suggestivo per il paesaggio: le rocce assumono sembianze familiari: volti umani (S'arroca de Ballanconi), animali (S'arra' e su caboru), mostri d'ogni specie cangianti con lo spostamento del sole.

Indugiamo qualche minuto, anche per smaltire il fiatone provocato dal forte dislivello superato.

Coxinas rocce
Coxinas, rocce
Coxinas rocce
Coxinas,
S'arroca de Ballanconi.
Coxinas rocce
Coxinas,
S'arra' e su caboru

Da questo punto ci s’inoltra nel fitto bosco in una strada larga e agevole, si continua verso Sa Gora De Pau, il principale dei torrentelli che origina il rio Coxinas, e si sale lungo un sentiero fino a Punta S. Miali.

 

CoxinasIn realtà S. Miali è un altopiano arrotondato con diverse cime,
tutte sopra i mille metri di quota delle quali il punto più alto è raggiunto da Su Cùccuru de Mesu chiamato anche Sa Pinneta de Mesu, con 1062 m s/l/m.
Pinneta è il nome in sardo di capanna; ancora oggi in quella località si vedono i resti di muri di pietre a secco, per proteggere dalla continua impetuosità del veto, che erano ricoveri dei pastori che avevano i loro greggi in quell’altopiano.

Il percorso è agevole, da percorrere in 3 ore e 30’ l’andata, 2 ore e 30’ il ritorno.
Il dislivello da superare è di 700 m. 

Si possono ammirare le bellissime rocce a picco dove nidificano numerose colonie di falchi, le bellissime guglie di rocce lavorate dal vento e dall’acqua, la sede del rio Coxinas con improvvise cascatelle, laghetti, dirupi, volteggi, forre, poi il fitto bosco di lecci;
più in alt,o in primavera, numerose margheritine, zafferano selvatico, e soprattutto l’immensa distesa di timo che esala una forte fragranza al calpestio. 

Da sopra i 1000 m s/l/m si può spaziare per la distesa del Campidano e, se la nitidezza dell’aria lo permette, oltre il golfo di Oristano, per il mare occidentale.

Nell’alto crinale si possono scorgere ancora i ruderi di un vecchio eremo di frati (S. MICHELE) che avevano scelto la solitudine, la vita di sacrificio per dedicarsi a Dio. 

Si può continuare per il SENTIERO 107 dalle cime del Santu Miali e raggiungere il parcheggio del Parco comunale di Gonnosfanadiga di Perda de Pibera (350 m s/l/m), passando per Genna Farraceus (694 m s/l/m). 

Il percorso, facile e poco impegnativo, discende un dislivello di oltre 700 m.
Si può portare a termine in 2 ore (2 ore e 30’ per il percorso inverso). 

 

pianta-108 giarranas-smiali
Pianta del sentiero 108  
Giarranas -  S. Miali


ALBUM - LE ESCURSIONI

Album fotografico
ESCURSIONI IN MONTAGNA

 Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo