Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

TREKKING nella natura incontaminata del LINAS

Piazzale GIARRANAS (360 m s/l/m) - Monte MARGIANI (859 m s/l/m)

 

GiarranasDalla cascata della Spendula si va verso Villacidro, si prosegue salendo dopo la croce di SEDDANUS verso l’impianto di potabilizzazione dell’E.S.A.F., si procede verso Giarranas (Genn' 'e Arra'), nello spiazzo presso le antenne della TELECOM, a Giarranas.
Nel piazzale delle antenne di Giarranas, sotto le Campanas de Sisinni Conti (540 m s/l/m) si lasciano le auto e si prosegue a piedi. (Cartina)

GiarranasCome indicato dall'apposito cartello il primo tratto, fin oltre lo sbarramento della diga sul Rio Coxinas, è in comune con il sentiero 108 che porta alle Punte di S. Miali (1062 m s/l/m).

Il percorso è agevole, infatti si segue una stradina ottenuta con gli scavi a suo tempo effettuati per la sistemazione dei tubi della condotta che dalla diga portano l'acqua al potabilizzatore dei paesi.

I tornanti si snodano tra una bellissima copertura vegetale di specie della macchia mediterranea: leccio, sughero, corbezzolo, lentischio, cisto, lavanda, fillirea e, sicuramente eccezionale per quantità e magnificenza, la rappresentanza dei ginepri.

Dall'alto si ammira il corso del fiume tra splendidi massi granitici lavorati dallo scorrere dell'acqua che, poco più a valle, forma il salto della cascata Sa Spendula.

CoxinasUn po’ prima dello sbarramento in cemento armato, si devia su un ripido sentiero a sinistra della montagna e si giunge a Coxinas, sopra l’invaso.

Questo tratto è molto suggestivo per il paesaggio: le rocce assumono sembianze familiari: volti umani (S'arroca de Ballanconi), animali (S'arra' e su caboru), mostri d'ogni specie cangianti con lo spostamento del sole.

Indugiamo qualche minuto, anche per smaltire il fiatone provocato dal forte dislivello superato.

Coxinas rocce
Coxinas, rocce
Coxinas rocce
Coxinas,
S'arroca de Ballanconi.
Coxinas rocce
Coxinas,
S'arra' e su caboru

Coxinas rocceAll'altezza dello sbarramento si prosegue sulla strada camionabile proveniente da Villacidro, a sinistra lungo il sentiero 108 per qualche centinaia di metri fino al cartello, bene in evidenza in un tornante, che invita a svoltare a destra per un comodo sentiero per arrivare a SU CAMPU DE COXINAS, dove i pastori avevano i loro ovili, accolti da lecci secolari.

Qui gli antichi caprari e porcari avevano i loro stazzi per il bestiame.

Dopo l'attraversamento del fiume, si cammina per circa 20 minuti seguendo una mulattiera fino a giungere al terzo cartello, che ci conforta: siamo sulla giusta strada per GENNA S'UVARA.

Si svolta a destra e si risale il ripido sentiero che attraversa una bellissima lecceta che, coprendo i fianchi della granitica montagna, nasconde la vista del cielo e del paesaggio attorno.

 


Da M. Margiani il punto di partenza del sentiero 118
e nello sfondo Villacidro.
Dal piazzale Giarranas M. Margiani.

Attendere il caricamento delle immagini.

 

Dopo circa 30 minuti, percorrendo un sentiero in salita ben tracciato, si giunge GENNA DE PRUNAS (725 m s/l/m) dove il quarto cartello ci indica di proseguire ancora a destra.

Uscendo dal fitto bosco e proseguendo sulla destra, si cominciano a intravedere le rocce della cima del Monte Margiani; ma prima tiriamo il fiato seduti nelle pietre sistemate per l'occasione.

Si continua a salire per circa 20 minuti per giungere sulla cima dove si trova il punto trigonometrico.

Lo splendido paesaggio che da lì si domina ripaga sicuramente delle fatiche:
dalle punte di S. Miali e la catena del Linas a ovest, all'Arcuentu a nord, il verde degli uliveti di Soddu 'e pani, la splendida distesa del Campidano e il profilo del Gennargentu.

L'itinerario si percorre in circa 2 ore.

La prima parte è abbastanza agevole,
un po' più impegnativa la seconda, quando si sale nel bosco per GENNA DE PRUNAS e tra le rocce alla cima di Monte Margiani (859 m s/l/m), per il forte dislivello da superare.

Il paesaggio è bellissimo.

Nel tratto che va da Giarranas e porta al Campo di Coxinas si possono ammirare le bellissime rupi a picco dove nidificano numerose colonie di falchi, le bellissime guglie di rocce lavorate dal vento e dall’acqua, la sede del rio Coxinas con improvvise cascatelle, laghetti, dirupi, volteggi, forre.

Poi, fino a Genna de Prunas si penetra nel buio del fitto bosco di lecci;
più in alto le rocce granitiche del Monte Margiani frantumate e consumate dal tempo e dalle intemperie.
Infine, dalla cima del monte, un paesaggio di rara bellezza che abbraccia tutta la pianura del Campidano.

Vai a La Scuola Media adotta un sentiero

La segnaletica del sentiero 118 è stata realizzata dagli alunni della Scuola Media di Villacidro nel dicembre 2000.

 

pianta-108 giarranas-smiali
Pianta del sentiero 118  
Giarranas -  S. Miali


ALBUM - LE ESCURSIONI

Album fotografico
ESCURSIONI IN MONTAGNA

 Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo