Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

La vallata di ALETZI (Abetzi)

 

Aletzi
Invaso suo rio Aletzi costruito nel 1960

Aletzi è uno dei luoghi più sconosciuti e meno frequentati dai villacidresi, un po’ perché è lontano dal paese, un po’ perché gran parte del territorio è in mano ai privati. Anche i due laghetti che si incontrano risalendo il corso del Rio Aletzi sono di proprietà privata e le loro acque sono utilizzate per irrigare i frutteti e orti sottostanti.

La valle è ricca di vegetazione. Si possono ammirare numerosi arbusti di macchia mediterranea, mandorli e ulivi. Questi ultimi furono innestati, secondo quanto racconta Giuseppe Dessì in PAESE D’OMBRE, dal sindaco Angelo Uras, alias Giuseppe Pinna Curreli
Il Rio Aletzi termina a Montemei (482 m s/l/m); da qui hanno origine altre due vallate, a sinistra quella del Rio Aratzu, a destra quella
del Rio Acqua su Ferru, che s’incuneano nel massiccio del S. Miali. 

Proseguendo a piedi nel sentiero a sinistra di Montemei si va
nel canalone di Aratzu, a Madau de istadi, dentro una fitta foresta di lecci secolari, ginepri, corbezzoli e fillirea.
Il posto è incantevole e fresco.

In primavera sotto gli alberi meno folti, nelle radure, dove i raggi del sole riescono a penetrare, spuntano variopinti fiorellini, margherite e numerose varietà di orchidee selvatiche; all’ombra dei lecci crescono i ciclamini e vari tipi di felce.
In autunno invece è possibile cogliere i funghi: porcino, chiodini, mazze di tamburo.

 

Aletzi
Aletzi
nello sfondo la cima arrotondata del Montemei.

Aletzi

Su capeddu de Aletzi

 

COME CI SI ARRIVA

Seguendo la S.S. 196 da Villacidro verso Gonnosfanadiga, si gira a sinistra subito dopo il ponte sul fiume Aletzi. Si prosegue sulla strada bianca che fiancheggia il fiume, si incontrano due laghi artificiali. Più avanti la vallata si divide in due:
a sinistra c’è il Rio Aratzu e l’omonima vallata, a destra il corso del Rio Acqua Su Ferru, in mezzo Montemei (482 m s/l/m); proprio all'incrocio delle vallate c'era la Cantinae dove aveva inizio Sa tanca de Abetzi, un tempo Sa tanca del sindaco Giuppe Pinna Curreli, l'Angelo Uras del romanzo Paese d'ombre di Giuseppe Dessì. 

ALTRE ESCURSIONI

Da qui è possibile:
proseguire per la vallata di Aratzu, a sinistra di Montemei, e andare a Coxinas attraverso Genna Uddaminis (799 m s/l/m) oppure a Genna s’Ùvara o a 
Genna Farraceus (694 m s/l/m) quindi a Perd’ ‘e Pibera a Gonnosfanadiga.

 

ALBUM -L'AMBIENTE NATURALE

Album fotografico
LE VALLATE

 Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo