Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

TREKKING nella natura incontaminata del LINAS


non segnalati dal C.A.I

 

VA A Gli itinerari di MarioQui sono descritti in dettaglio soltanto gli itinerari segnati dal C.A.I., per percorrere i quali è sufficiente seguire la classica bandierina a bande rosse e bianca col numero centrale. Naturalmente, data la vastità del territorio, ci sono innumerevoli altri itinerari non più difficili o meno belli di questi segnalati, ma non sono marcati in ogni dettaglio. Si riportano alcuni suggerimenti anche di questi.

Per gli escursionisti più evoluti consigliamo TREKKING: GLI ITINERARI DI MARIO
adatti a coloro che vogliono scoprire il patrimonio inestimabile della natura e fanno volentieri a meno di indicazioni del C.A.I., cartelli indicatori e sono capaci di fare da sé.

 

 

Sentiero segnato dalla Forestale
Su Fossu mannu (305 m s/l/m) – Cùccuru Mannu (593 m s/l/m)

 

Chi arriva da Villasor nella SS 196, dopo le prime case di Villacidro, deve andare a sinistra. (cartina)

Chi proviene dalla SS 131, attraverso S. Gavino, deve proseguire sulla strada provinciale S. Gavino-Villacidro fino al semaforo; qui deve girare a sinistra per via Nazionale; in prossimità dell’uscita del paese, verso Villasor, deve voltare sulla destra.

Da qui in poi sarà facile proseguire seguendo l’indicazione del cartello “Montimannu”. Si deve superare la diga sul fiume Leni in terra battuta, costeggiare il lago. Dopo il primo ponte si gira a destra come indica il cartello “Montimannu”.
Al termine della strada asfaltata, dopo il ponte sul Leni, a destra si entra nel Demanio Foreste Montimannu, alcuni cartelli lo indicano.
La strada prosegue nel bosco; bisogna superare l’antica laveria di Canale Serci, fermarsi prima del ponte in cemento che attraversa il rio Leni, in località Su Fossu mannu.

cartelli-mmannu-villascema-cascateffdiga1-ic.jpg (2676 byte)cartelli-mmannu-cascateffdiga1-ic.jpg (2676 byte)

cartelli-mmannu-cascateE’ un itinerario non segnalato con la classica bandierina rosso-bianca del C.A.I., ma con una di color bianco-celeste dal Demanio Foreste Montimannu.

Si entra a sinistra, superando lo sbarramento, nella strada del Demanio Foreste Montimannu, in Gùtturu Su Fossu Mannu, e si sale fino alla cima Cùccuru Mannu (593 m s/l/m).

La strada è comoda ma in ripida salita, dal momento che bisogna superare un dislivello notevole in poco spazio.
Si può percorrere l’andata in circa 1 ora;
il ritorno in metà tempo.

pianta-fossumannu
Pianta del sentiero 112  
Su Fossu mannu - Cùccuru Mannu

 

 

ALTRE ESCURSIONI

 

Da MONTIMANNU
è possibile:

proseguire verso proseguire la buona strada forestale nel Canale di Banarba, Gennè (770 m s/l/m), Punta Sanoi (986 m s/l/m), il recinto della forestale del ripopolamento mufloni e Monte Acqua Piccinna (1010 m s/l/m);

dirigersi verso la zona mineraria di Canale Serci; Pranu Ilixis, Cùccuru is Tronus (722 m s/l/m), Punta Is Porcaxus (773 m s/l/m), Monte Anzeddu (903 m s/l/m) e Genna sa barrachedda;

andare a Su Cùccuru Mannu (593 m s/l/m);

attraversare le montagne per andare a Cuccurdoni Mannu (911 m s/l/m), alle tombe di Matzanni (700 m s/l/m, in territorio di Vallermosa), dove si possono visitare 3 TEMPLI A POZZO (pozzi sacri) e i ruderi del TEMPIO FENICIO (724 m s/l/m, in agro di Iglesias), da cui si ammira tutta la valle del Cixerri fino al Monte Sirai e S. Antioco; continuare nell’altopiano di Matzanni: dalla fresca e perenne sorgente a M. Cuccuruneddu (790 m s/l/m), Genna Massidda (650 m s/l/m), fino a Genna Spinada (348 m s/l/m); le strade sono mantenute in ottimo stato dalla forestale, ma chiuse ai mezzi rotabili.

cartelli-mmannu-cascate
cartelli-mmannu-cascatecartelli-mmannu-cascate

 

 

Da CASTANGIAS

è possibile andare:

a Coxinas, attraverso la strada rotabile di circa 3 km;

alla Cantina di Coxinas (599 m s/l/m) a piedi su un sentiero ripido che segue il corso superiore del Rio Fluminera e S’enna de is Forrus (680 m s/l/m).

Per andare a Coxinas a piedi, si può seguire il primo tratto del SENTIERO 108, con partenza dal piazzale delle antenne di Giarranas (350 m s/l/m). Si può arrivare in automobile per la rotabile che parte dalla croce santa di Castangias in circa 3 km.

Da COXINAS
è possibile andare:

alla cantina di Coxinas, e da qui proseguire per Genn’ ‘e Cannas (867 m s/l/m) e a sinistra per Cùccur’ ‘e Frissa (924 m s/l/m), oppure proseguire a destra per le più elevate cime del Santu Miali (1047 m s/l/m, 1057 m s/l/m, 1062 m s/l/m, 1047 m s/l/m, 1033 m s/l/m).

a monte Margiani (859 m s/l/m), attraverso il canale e il passo di Genn’ ‘e Prunas (725 m s/l/m);

a Aratzu e Aletzi attraverso Genna Uddàminis(799 m s/l/m).

Dal CAMPO CATALOGO FLORA DI NARTI
è possibile:

andare a sinistra per Genn’ ‘e Pranu in 1 ora e 30’;

voltare a destra per Genn’ ‘e Cannas in 2 ore e proseguire per le cime del Santu Miali, in un’altra ora e 15’.

Alcuni cartelli, bene in evidenza, indicano le direzioni da percorrere.

Da VILLASCEMA
è possibile:

subito dopo la chiesetta di S. Giuseppe (267 m s/l/m) voltare a sinistra e salire alla vecchia cantina di Croigas, procedere a piedi a Gennè (770 m s/l/m), a Punta Sanoi (986 m s/l/m) fino al recinto di ripopolamento di mufloni della Forestale a Monte Acqua Piccinna (1010 m s/l/m);

oppure alla vecchia cantina di Croigas, procedere a piedi fino a Genna Samucu (914 m s/l/m), a Punta Magusu (o Punta Cannisoni o Punta Cucuerris ) (1023 m s/l/m);

proseguire a sinistra all’altezza delle indicazioni “Parco di Villascema” per la vallata successiva Gùtturu de Terra, andare a piedi attraverso il canale S’ega Manna a Genna S’ega Manna (823 m s/l/m), a Punta Magusu o Punta Cucuerris (1023 m s/l/m), a Cùccuru Magusu (969 m s/l/m), a Maguseddu;

continuare nella strada diritta fino alla cantina di Villascema (325 m s/l/m), procedere a piedi per Gùtturu Derettu, seguire rio s’Ega Sizzoris e ammirare sulla destra i faraglioni su Campanibi s’Ega Sizzoris (592 m s/l/m) e su Campanibi Su Sinnìbiri (699 m s/l/m), poco più oltre si giunge alle cascate di S'EGA SIZZORIS;
si può proseguire per un tratto del rio Genna Eidadi, ma bisogna arrestarsi a Scracchinus per la zona impervia e scoscesa;

oppure, sempre da Gùtturu Derettu, andare a sinistra e prendere il canale Su Prèssiu per Genna Maguseddu (957 m s/l/m) o, voltando a sinistra, per Genna Magusu (898 m s/l/m);

dalla cantina di Villascema girare sulla destra e andare a piedi a S. Miali (1047 m s/l/m, 1057 m s/l/m, 1062 m s/l/m, 1047 m s/l/m, 1033 m s/l/m);

dalla cantina di Villascema proseguire a piedi per Perda Lada e Genna Farraceus (694 m s/l/m) e il parco comunale di Gonnosfanadiga di Perd’ ‘e Pìbera.

Da ALETZI
è possibile:


proseguire per la vallata di Aratzu, a sinistra di Montemei, e andare a Coxinas attraverso Genna Uddaminis (799 m s/l/m) o a Genna Farraceus (694 m s/l/m) quindi a Perd’ ‘e Pìbera a Gonnosfanadiga.

 

ALBUM - LE ESCURSIONI

Album fotografico
ESCURSIONI IN MONTAGNA

 Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo