Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

La REGIA FONDERIA DI VILLACIDRO
"Charleshut"

 

La "Charleshut", la fonderia dei 3 Charles, fu costruita nel 1742 da Charles Bronder, Charles Holtzendorf e Charles Gustav Mandel.
Quest'ultimo condusse anche l'azienda.

Fonderia
Fonderia.

Fu edificata presso le rive del rio Leni in modo da sfruttarne la spinta delle acque per far girare una ruota idraulica e produrre energia.

Era il primo tentativo di industrializzazione nella storia mineraria della Sardegna, prima di allora c'erano stati solo episoli artigianali.

Nel 1743 le sue cinque fornaci per la fusione, furono riempite e cominciarono a colare piombo.
Gli ampi locali comprendevano anche un forno di calcinazione, due forni di evaporazione, abitazioni, uffici, magazzini per i circa cinquanta operai sardi e 47 tecnici tedeschi.
Moltissime erano le persone che ebbero lavoro nell'indotto: trasportatori (carradoris), carbonai, taglialegna, oltre naturalmente ai minatori.
Inoltre tutti i paesi vicini furono obbligati a fornire il combustibile per il nuovo Moloc che ingoiava legna e carbone e sputava colate di metallo.

I minerali di tutte le miniere del circondario, ma soprattutto di Montevecchio e quelle di S'Acqua cotta a Villasor, venivano prima selezionati tra le galena buona e la parte residuale, poi desolforati con enormi cumuli di fascine.
Ogni fusione trattava 368 kg di minerali desolforati, consumava 264 kg di carbone producendo 115 kg di piombo e 105 di matta.

Nel 1762 lo Stato prese la gestione per condurre direttamente l'azienda.
L'amministrazione statale si mostrò poco dinamica e la fonderia, insieme a tutto il sistema minerario che la sosteneva, andò verso una progressiva decadenza.

Dal 1797 la fonderia di Villacidro lavorò a ritmo ridotto e solo il materiale più povero estratto nelle miniere di Montevecchio e Monteponi, mentre quello più ricco veniva imbarcato per le fonderie del Piemonte.

Gli scarsi risultati economici portarono alla decisione di affidare la fonderia a una gestione privata
Il 22 aprile 1806 il Re ne accordò a Edoardo Romeo, conte di Vargas, l'uso e la concessione per tutte le miniere della Sardegna.
L'imprenditore la restaurò alla perfezione dandole l'aspetto di un grandioso fabbricato, ma l'azienda delle miniere gli andò male e
nel 1809
dovette rinunciare e ritirarsi.
La fonderia fu chiusa.

 

Fonderia pianta
Pianta della Regia Fonderia di Villacidro

 


Nel 1860 il cagliaritano Salvatore Melis la rianimò per rifondervi circa 20 mila tonnellate di scorie delle precedenti fusioni, ricavando oltre a 9 mila quintali di piombo e 194 kg di argento.

Nel 1863 fu nuovamente abbandonata anche perchè le miniere di Monteponi e Montevecchio spedivano il materiale da trattare a Genova e a Livorno, dove operavano fonderie più valide tecnicamente.

Nel 1887 Giovanni Battista Fois Farci comprò i terreni e le strutture e costruì un nuovo stabilimento per produrre utensili di rame e pentolame (caddaxus). L'attività durò fino al 1907.

 

miniere canaleserci

Album fotografico
I LUOGHI MINERARI

 Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo