Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni |Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

VILLACIDRO: UN PO' DI STORIA

A cura di Ignazio Fanni
potecariu

 L'AEROPORTO DI TRUNCONI - S'ACQUA COTTA II
1943 - gennaio-febbraio

1 GENNAIO 1943

Relazione Trimestrale in Tempo di guerra - gennaio-febbraio-marzo 1943 - XXI

Attività esplicata dal Comando Aeroporto

"A causa della mancanza di reparti operanti in questo Aeroporto sono stati sospesi i lavori Demaniali prestabiliti, eccetto la costruzione delle cucine truppa e dei parcheggi è stata portata a termine.
- La locale infermeria a' già cominciato la campagna antimalarica ed ha già provveduto alla bonifica di parte dei terreni circostanti."

Il Comandante
Maggiore Pilota G. Zedda

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

"A partire dal gennaio del 1943 fu potenziata e resa più efficace la difesa degli aeroporti dell'Isola, obiettivo di possibili colpi di mano, sferrati da unità di commandos ben addestrati.
I Nuclei Anti Paracadutisti rafforzarono una complessa quanto estesa organizzazione difensiva disposta dal Comando del XIII Corpo d'Armata: la Difesa Fissa Aeroporti.
Essa era affidata al 236° Reggimento di Fanteria Piceno, specificamente addestrato, posto alle dirette dipendenze del Comando di Corpo d'Armata.
....

Aeroporto 607 - Villacidro
5^ Compagnia con aggregato 2° Plotone
della 8^ Compagnia 236° Rgt.
2° Plotone Compagnia Cannoni
220^ Batteria da 105/14"

Insediamento e difesa del territorio nella Sardegna meridionale, a cura di A.Monteverde e E.Belli, Cagliari 2001, Askòs Edizioni

4 GENNAIO 1943

"Una nave da 1.500 tonnellate è attesa a Cagliari per il pomeriggio del 10 Gennaio con baraccamenti e materiale da costruzione." 1915 / Y6

"Due telegrammi del 4/1:

1) Il Ministro Italiano concorda per lavori di costruzione ad ALTONA (ALGHERO), DESSAU (DECIMOMANNU), MINDEN (MONSERRATO), VILLACH (VILLACIDRO). Istituita la direzione Tedesca per i Lavori.

2) Priorità dei lavori di costruzione:
Gruppo 1: VILLACH - Alloggi, Illuminazione "Leuchtzeuber"; ALTONA e DESSAU - piste e piste di rullaggio.

Gruppo 2: Tutti gli altri
Nota:
si hanno indizzi che ALTONA sta per ALGHERO, DESSAU sta per DECIMOMANNU, MINDEN sta per MONSERRATO, VILLACH sta per VILLACIDRO.
1922

Allied Intelligence (ULTRA)

5 GENNAIO 1943

"ITALUFT ha richiesto all'Ufficio Costruzioni Esterne di ELMAS, piani per la disposizione di aree di parcheggio e campi di baraccamenti per i seguenti campi di aviazione presso ALGHERO, MONSERRATO, VILLACIDRO, DECIMOMANNU."
1928 / 21

Allied Intelligence (ULTRA)

8 GENNAIO 1943

"Si è costituito un Comando Aeroporto Tedesco."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

10 GENNAIO 1943

"Sono stati sorteggiati al campo dei premi per gli Avieri offerti dal Fascio di Villacidro."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

15 GENNAIO 1943

"Non è rientrato da azione bellica il Capitano AURELIO dell'88° Gruppo."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

17 GENNAIO 1943

"Sono state date disposizioni per l'approvvigionamento presso questo aeroporto per un gruppo di bombardieri Ju.88.
1979 / T19

Allied Intelligence (ULTRA)

18 GENNAIO 1943

"E' stato trasferito il 55° gruppo B.T.."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

19 GENNAIO 1943

"Il 7 Gennaio il Kommandant si informava circa la possibilità di alloggiare qui 450 uomini.
Il Comando della Stazione Operativa del G.A.F. (German Air Force):
(Qui sarebbe possibile alloggiare 450 uomini solo in tende, ma non ci sono le tende)."
1927 / T19

Allied Intelligence (ULTRA)

"Forti indizi che l'AERONAUTICA TEDESCA stia procedendo allo sviluppo di campi di aviazione in SARDEGNA. (Come precedentemente riportato il 4.1.43.
Vedi 1987 / rif. annotazione n. 42 , e separate annotazioni relative agli aerodromi in quella data)."

"La Direzione dei Lavori dell'AERONAUTICA TEDESCA, con il benestare Italiano, è stata incaricata di sviluppare gli aeroporti soprattutto di ALGHERO, DECIMOMANNU, MONSERRATO e VILLACIDRO.
Le priorità date sono: alloggiamenti e illuminazione fortemente raccomandata per VILLACIDRO; piste di atterraggio e di rullaggio fortemente raccomandate per ALGHERO e DECIMOMANNU; istituzione di Distaccamenti di scarico merci a CAGLIARI e OLBIA previsti (già) il 6 Gennaio.
Il Kommandant indaga sulla possibilità di alloggiamenti per 450 uomini a VILLACIDRO.
Il comando di una stazione operativa dell'Aeronautica Tedesca è stato istituito a VILLACIDRO dal 18 Gennaio.
Infine ITALUFT , dai primi di Gennaio, sta preparando i piani per nuovi aeroporti a sud e sud ovest di, forti indizi, ELMAS."
1987 / 65

Allied Intelligence (ULTRA)

Bombardiere tedesco Junkers-Ju-88-D-1-del-2(F)121 GENNAIO 1943
Primo bombardamento del 1943 sulla Sardegna.
Gli inglesi attaccarono l'aeroporto di Elmas: danni agli hangar, sei morti e 4 feriti.
Ormai gli aerosiluranti italiani venivano spostati da una parte all'altra d'Italia per sopperire alle necessità del momento e la loro azioni, nonostante l'eroismo dei nostri piloti erano sempre più deboli e sporadiche.
I bombardieri tedeschi partivano ancora abbastanza regolarmente dalle basi dell'isola, soprattutto da Elmas, Villacidro e Decimomannu.

22 GENNAIO 1943

"Il 17 Gennaio si stavano preparando i progetti per le piste in tre campi di aviazione in SARDEGNA, in ordine di priorità 1, 2 e 3.
Forti indizi che 1 è ALGHERO, 2 è Villacidro e 3 è MILIS." 2000 / T32

"Forti indizi che i piani redatti il 17 si riferivano alle piste di qui (VILLACIDRO)."
2000 / T32


Allied Intelligence (ULTRA)

24 GENNAIO 1943

"La Stazione G.A.F. di Villacidro ha ricevuto da ITALUFT l'ordine di provvedere immediatamente all' alloggio per 1 Gruppo di bombardieri con Airfield Servicing Coy."
2008 / T36

"In vista di un attacco aereo su ELMAS (i Gruppi) I/KG.60 e KG.26 devono essere trasferiti qui immediatamente." 2014 / T4

"Decollo da qui e da DECIMO non possibile senza una luna piena."
2012 / T4


Allied Intelligence (ULTRA)

25 GENNAIO 1943

"VILLACIDRO può essere usato come campo alternativo di atterraggio.
Non può essere usato come campo operazionale per il KG.60, sino a quando l'orizzonte artificiale e la stazione D.F. non saranno pronti.
Non è ancora certo quando ciò sarà, in quanto il materiale non è stato ancora spedito.
Sistemazione dei servizi tecnici provvisori solo con personale proprio.
Le piste di atterraggio sono in costruzione.
Il KG.26 deve considerare ELMAS come un campo di atterraggio avanzato tenendo conto della pista e del Gruppo di Aerosiluranti."
2218 / T18

"La documentazione concernente l'adeguamento delle installazioni per i segnali presso l'aeroporto di VILLACIDRO è quasi pronta."
2017 / 9


Allied Intelligence (ULTRA)

26 GENNAIO 1943

"E' stato trasferito all'Aeroporto di Bologna il 51° Gruppo per avvicendamento."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

29 GENNAIO 1943

"Sta per essere istituito il Fliegerfuehr SARDINIA. Oberst Wild è stato designato Fliegerfuehr. A.O.C. ispezionerà gli aerodromi della Sardegna il 30/1." 2034 / I

Allied Intelligence (ULTRA)

1 FEBBRAIO 1943
Bombardamento notturno da parte degli inglesi.
Ancora una volta, alla luce dei bengala, viene bombardato il campo di Elmas:
distrutti tre aerei tedeschi, uno italiano, due avieri morti e alcuni feriti;
cinque civili feriti ad Assemini.

2 FEBBRAIO 1943

"Trasporti di siluri per aereo continuano ad arrivare a Villacidro." 2069 / T

"L' impiego di aerosiluranti qui, senza una pista è dall'esito incerto oltre che per il pericolo di spaccare il carrello, con aerei sovraccarichi, ci si può aspettare anche la fuoriuscita degli adjusting spindles (come è successo altre volte), così in ogni caso sarebbero necessari atterraggi intermedi a ELMAS. L'ultimo trasporto di torpedini da GROSSETO a qui che è stato predisposto da FliegerKorps II è già iniziato ed è tuttavia messo in discussione. Come si è saputo solo il primo Febbraio A.O.C in C. South ha disposto di procrastinare la costruzione della pista in questo aeroporto. Pertanto nel caso che ELMAS fosse messo fuori uso, in Sardegna non ci sarebbero attrezzature per aerosiluranti. Si richiede che l' ordine di priorità per la costruzione di una pista in questo aeroporto venga portato dal terzo al primo posto."
2072 / T1

Allied Intelligence (ULTRA)

3 FEBBRAIO 1943
Ricognizione di aerei non identificati su Elmas.

"Parcheggio di aerei nei campi di atterraggio sotto il comando dell'AERONAUTICA TEDESCA SARDEGNA proibito a causa della protezione antiaerea insufficiente."
2059 / T

"Elementi di questa Unità devono arrivare qui per attaccare i convoglio Alleato. Il convoglio consiste di 9 mercantili, 6 navi cisterna, 8 navi di scorta, rotta est."
2061

Allied Intelligence (ULTRA)

4 FEBBRAIO 1943

"à visitato l'Aeroporto S.E. FEUGIER Sottosegretario di Stato per l'Aeronautica."
"parte per Decimo il 55° Gruppo B.T. per trasferimento."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

"Trasferimento a VILLACIDRO del KG.60 e del KG.26 a iniziare dal 24/1.
Quanto questo trasferimento sia stato portato avanti non è al momento noto. L'evacuazione di ELMAS e il trasferimento di tutti gli aerei in grado di volare a VILLACIDRO e a DECIMO è iniziato il 2/2.
(Vedi il trasferimento delle unità Italiane ad altre sedi promesso il 6/2, per fare spazio a quanto sopra). Grandi dispersal considerati essenziali."
2073/T

Allied Intelligence (ULTRA)

5 FEBBRAIO 1943

"Il KG.30 e il KG.60 si preparano ad attaccare, il 5 e il 6, un grande convoglio."
2072 / T.

Allied Intelligence (ULTRA
)

6 FEBBRAIO 1943
Aerei partiti dai vari aeroporti del sud Sardegna attaccano, con un certo successo, un convoglio alleato.
Altra ricognizione di aerei non identificati su Elmas.

"Evacuazione di questo aeroporto promessa dagli Italiani ai Tedeschi al più tardi per il 15/2." 2078/T..

Allied Intelligence (ULTRA)

7 FEBBRAIO 1943
Sino a questo momento gli americani avevano risparmiato le basi sarde ritenendo più utile attaccare le basi e i porti tunisini ancora in mano alle truppe dell'asse onde ostacolare i rifornimenti provenienti dall'Italia.
Ma, forse proprio come ritorsione all'attacco di ieri sferrato dai nostri aerei contro il convoglio alleato si verificò un brusco cambio di strategia.
E infatti nel primo pomeriggio un nutrito gruppo di aerei americani, arrivati sull'isola da est, proseguirono verso sud e, giunti su Elmas, da una quota di 7.000 metri, lasciarono cadere i loro ordigni da 1.000 libbre provocando ingenti danni.
Una seconda formazione sopraggiunse subito dopo per completare l'opera.
Una mezz'ora dopo una formazione di 19 B 26 Mauraders del 17° Bomb Group, da una quota di 3800 m lasciarono cadere una pioggia di spezzoni (bombe a frammentazione) da 20 libbre distruggendo al suolo una notevole quantità di aerei e provocando una trentina di feriti e almeno 26 morti tra italiani e tedeschi.
Il nostro bollettino di guerra n. 988 confermerà i morti e i feriti (mentendo spudoratamente sul numero) e definirà i danni "non gravi".
Ci furono anche due vittime civili.
Il 17° Bomb Group sarà quello che, alla fine del 1943 prenderà possesso del campo di Trunconi.
A notte inoltrata arrivarono anche gli inglesi con il loro Wellington.
Come al solito il loro bombardamento fu preceduto da un nutrito lancio di bengala per illuminare la zona.
I bombardieri inglesi arrivarono sino a Trunconi con risultati praticamente nulli:

"Ore 23,30 bombardamento del campo come da relazione trasmessa con foglio n. 0011 trasmessa in data 9 Febbraio" ,

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.


"Otto Ju.88 erano partiti da qui per attaccare il grande convoglio Alleato."
2081 / T..

"A disposizione da qui: un Ju.88 del 1(F)122, due He.111 del KG.26, otto Ju.88 del KG.30."
2083 / T..

"Questo aeroporto e Decimo pesantemente occupati dai Tedeschi, come risulta dagli attacchi al grande convoglio."
2084 / T3

"Alle 22 attacco aereo. Feriti tra il personale."
2086 / T7


Allied Intelligence (ULTRA)

8 FEBBRAIO 1943

"Il KG.30 deve rimanere qui. L' 1(F)122 deve essere trasferito qui.
2086 / T14

"Sette Ju.88 del KG.30 sono decollati alle 15,30 per attaccare il convoglio diretto a Est."
2086 / 16

Allied Intelligence (ULTRA)

9 FEBBRAIO 1943
Il pomeriggio del 9 i nostri aerei partirono da Decimo per rispondere all'attacco del 7.
Sette aerosiluranti attaccarono la base di Algeri e nonostante un consistente fuoco di sbarramento riuscirono a lanciare i loro siluri contro alcune imbarcazioni nemiche.
A tarda notte atterrarono al campo di Decimo nonostante il tentativo inglese di fargli perdere la rotta inviandogli segnali radio fasulli dal radiofaro di Malta.

"Il III/KG.30 a VILLACIDRO."
2094 / 11

"Il I/KG.26 a VILLACIDRO."
2094 / T22

Allied Intelligence (ULTRA)

10 FEBBRAIO 1943

"Dal 26 Dicembre al 25 Gennaio l'Aeronautica Tedesca di Sardegna ha adoperato 102 aerosiluranti."2094/T

"Il KG.30 e il KG.60 sono di stanza qui.

ORGANICO:

KG.30: 13 ufficiali, 2 amministrativi, 50 personale di volo, 50 personale di terra
KG.60: 23 personale di volo, 30 personale di terra, attualmente in organico 12 aerei
IKG.26: 13 ufficiali, 35 personale di volo, 30 personale di terra, attualmente 10 aerei in organico
IIKG.26: 3 ufficiali, 9 personale di volo, 13 personale di terra, attualmente 2 aerei in organico
IIIKG.26: 6 ufficiali, 30 personale di volo, 28 personale di terra, attualmente 6 aerei in organico.
1 Field Servicing Coy/KG.76, 24 N.C.O. e 38 uomini.
3 Torpedo Servicing Coy: 6 N.C.O. e 38 uomini." 2101 / T15

"Campo completamente usufruibile da tutte le classi (di apparecchi)." 2118 / T17

"Può essere usato per atterraggi notturni e con cattivo tempo solo da equipaggi che hanno familiarità con la località: VILLACIDRO 1 D4."
2118 / T17

Allied Intelligence (ULTRA)

11 FEBBRAIO 1943
Apparecchi inglesi sorvolarono ripetutamente gli aeroporti di Decimomannu e di Villacidro, ma le bombe caddero soprattutto in campagna, senza causare danni agli impianti e ai velivoli.
Ai margini del campo di Villacidro una bomba esplodeva nei pressi di una postazione antiaerea tedesca, distruggendola e uccidendone i serventi.

"9 He.111 del KG.26 sono partiti da qui."
2105 / T3

Allied Intelligence (ULTRA)

13 FEBBRAIO 1943

"Un apparecchio 1007 bis dell'88° Gruppo di rientro da azione bellica ammarava nei pressi di Capua."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

"Posto per 850 persone, occupato da 47 ufficiali e 676 uomini."
2188 / 1

Allied Intelligence (ULTRA)

14 FEBBRAIO 1943

"Uno Staffel di Me.210 da usarsi contro ship ping sarà di base in SICILIA. Campo di atterraggio alternativo: VILLACIDRO."
2117 / T8

Allied Intelligence (ULTRA)

15 FEBBRAIO 1943

"Ritrasferimento del KG.26 a VILLACIDRO?
(punto interrogativo come nell'originale)."
2126 / T8

Allied Intelligence (ULTRA)

16 FEBBRAIO 1943

"Da IA a FLF Sardinia: (il campo di) VILLACIDRO è stato evacuato dagli Italiani?

Risposta:
VILLACIDRO non ancora completamente sgomberato (trad. letterale: ripulito) a causa delle difficoltà che si sono presentate ad ALGHERO per l'arrivo di un gran numero di operai."
2133 / T6

"Tende per 600 uomini arrivate oggi a VILLACIDRO."
2133 / T26

"Il 16 sera approvvigionamento di torpedini a VILLACIDRO: 56 F540, di cui 2 fuori servizio; 2 FSW, entrambi funzionanti."
2136 / T36

Allied Intelligence (ULTRA)

IL 17 FEBBRAIO 1943
Per il 17 febbraio il Comando americano aveva messo a punto un complesso piano di attacco contro la nostra isola.
Era previsto l'impiego di 135 aeroplani e
gli obiettivi erano Elmas e
Villacidro (obiettivi principali),
Decimomannu e Cagliari (obiettivi secondari).
Su Elmas si diressero due formazioni di fortezze volanti che, a causa del maltempo, solo in parte riuscirono a sganciare le loro bombe.
Le altre bombe furono lasciate cadere su Cagliari: la Base navale fu centrata in pieno mentre le caserme di Castello non subirono grandi danni. In compenso furono colpite numerose abitazioni e tanti civili morirono o furono gravemente feriti proprio nel centro della città.

Bombardieri americani B 26 MauradersPer la sua posizione a ridosso delle montagne, il campo di Trunconi non era di facile individuazione e quindi veniva usato per dare rifugio anche ad apparecchi provenienti da altri aeroporti meno sicuri.
Nel mentre, i tedeschi iniziarono a costruire campi d'aviazione fantasma dove venivano sistemati finti aerei per ingannare il nemico.
Il gioco fu possibile sino a quando le incursioni aeree venivano effettuate dagli inglesi che preferivano bombardare di notte alla luce dei bengala.
Con l'entrata in campo degli americani (7 febbraio 1943), la strategia cambiò radicalmente in quanto (come abbiamo visto) i comandi USA preferivano bombardare di giorno e da altissima quota.
Su Villacidro si diressero due formazioni di bombardieri medi:
una costituita da 12 Mitchell B 25 del 310° Bomb Group decollati alle 13,10 dalla base di Berteaux in Algeria e
l'altra da 17 Mauraders B 26 del 17° Bomb Group, partiti sempre alle 13,10 da Telergma (Algeria).  

 

IL BOMBARDAMENTO DI GONNOSFANADIGA

Bombardieri B 25  MitchellI Mitchell provenienti da Ovest sorpassarono il Monte Linas e scambiarono il rettilineo di Gonnosfanadiga per il campo di Villacidro:
tre aerei del gruppo lasciarono cadere il loro micidiale carico di spezzoni sul paese, sei sganciarono fuori dal paese e gli altri tre sul campo di Decimo.
Sul rapporto di missione al rientro alla loro base, gli avieri americani scrissero:
"Osservati incendi nell'area dei baraccamenti a SE dell'aerodromo."

 

Anche La storia ufficiale dell'Aviazione americana a proposito di questa incursione riporta:

"I bombardieri medi divisero il carico di spezzoni tra i baraccamenti di Villacidro e gli aerei parcheggiati a Decimomannu".

W. Craven - J. Cate, vol. II pag. 153

Non trova così conferma la leggenda metropolitana che ancora circola a Gonnos:
Un tale del paese costretto ad emigrare negli Stati Uniti si volle vendicare dei suoi concittadini ed arruolatosi nell'aviazione americana organizzò questo raid terroristico sul suo paese dove, tra gli altri, viveva ancora anche sua madre.
Se proprio non si vuole credere alla tesi del tragico errore non resta che pensare ad un momento di sadica pazzia di tre piloti che, invece di distruggere gli aerei che bombardavano i loro commilitoni, preferirono "sprecare" il loro carico di bombe per dilaniare dei poveri civili inermi.

         


BOMBARDAMENTO DI GONNOSFANADIGA

***approfondimento***

 

B 26 caduto a NuraminisDei 17 velivoli del 17° BG, due furono costretti a ritornare subito alla base per avaria, gli altri 15 proseguirono per Villacidro, dove individuarono 60 aerei da trasporto ma, a causa delle nuvole, riuscirono a sganciare solo qualche bomba e quindi proseguirono per Decimomannu dove portarono a termine la loro missione distruggendo vari aerei al suolo.

Due bombardieri entrarono in collisione tra Samassi e Nuraminis. Gli uomini dei due equipaggi riuscirono a salvarsi con il paracadute e furono fatti prigionieri.
Dai loro piani di volo si ebbe conferma che l'obiettivo primario era Villacidro e quello di ripiego Decimomannu.
Però su Trunconi, quel giorno, non caddero molte bombe.
La maggior parte delle bombe destinate al Campo di Villacidro venne, invece, sganciata sull'abitato di Gonnos, e sul campo di Decimo.

Per il giorno 17 febbraio 1943 il Maggiore ZEDDA (Comandante del campo di Trunconi), annotò:


"Ore 14 allarme aereo, forte formazione di bombardieri nemici sorvolava la verticale del campo.
L'equipaggio dell'apparecchio abbattuto, composto di cinque persone è stato fatto prigioniero come da relazione trasmessa con foglio n.0035/S in data 19 Febbraio."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

e nel Bollettino di guerra del 17 febbraio 1943:

"Il Quartier Generale delle Forze Armate Comunica:
Bombardieri americani hanno lanciato bombe dirompenti e incendiarie su Cagliari, Quartu S.E. e Gonnosfanadiga, causando gravi danni ad abitazioni civili e vittime fra la popolazione.
Sono stati finora segnalati 100 morti e 235 feriti.
Attaccati dai nostri cacciatori, tre velivoli incursori precipitavano presso Samassi, nei dintorni di Nuraminis ed a ponente dell'Isola di S. Pietro; dodici aviatori, lanciatisi con il paracadute, venivano catturati."

Bollettino di guerra n. 999 del 17 febbraio 1943

Il nostro Bollettino di guerra diceva il vero: pochissimi i danni alle installazioni militari, tanti alla popolazione civile.

"In risposta alle possibilità di acquartieramento a VILLAXIDRO (sic):
Dopo l' arrivo dell' Airfield Servicing Coy.116 e del Gruppo operativo del KG.30, sono alloggiati 725 uomini. Ora c'è lo spazio per le tende.
In quest' ultimo, dedotto lo spazio per gli uffici, potranno essere alloggiati da 400 a 500 uomini."
2135 / 3

Allied Intelligence (ULTRA)

18 FEBBRAIO 1943

"Nove Ju.88 su e giù a VILLACIDRO: operazione contro il convoglio."
2145 / T14

Allied Intelligence (ULTRA)

19 FEBBRAIO 1943

"Il KG.26 rimane a VILLACIDRO e anche un aereo del II / KG."26. Il I / KG.26 trasferito a GROSSETO."
2145 / T14

Allied Intelligence (ULTRA)

20 FEBBRAIO 1943

"Al I / KG.26 VILLACIDRO: Quando inizierà il trasferimento, portate con voi torpedini da 33 nodi." 2116 / T29

"Al I / KG.26: Gli aerei e gli equipaggi a VILLACIDRO non devono essere trasferiti."
2157 / 31

"Un rapporto ricevuto dal KG.30 dice che sino al 17/2 a VILLACIDRO non c'erano trincee longitutdinali. Preparare immediatamente trincee longitudinali."
2157 / 3

"Circa 15 Ju.88 atterreranno qui dopo aver effettuato l'attacco con le torpedini. Il loro trasferimento alla base verrà stabilito dopo il rifornimento di carburante."
2167 / T5

Allied Intelligence (ULTRA)

23 FEBBRAIO 1943

"Un apparecchio Ju 88 precipita in campo, l'equipaggio deceduto."

Rapporti Trimestrali dell'aeroporto di Villacidro-Aeronautica Mil.

26 FEBBRAIO 1943
BOMBARDAMENTO DI CAGLIARI.
Nel pomeriggio due formazioni di Fortezze Volanti (20 del 301° B.G. e 20 del 97° B.G.) dovevano attaccare delle navi a nord della Sicilia.
Gli aerei del 97° non essendo riusciti ad intercettare nessuna nave si diressero sul porto di Palermo (primo obiettivo secondario).
A causa del cielo coperto non fu possibile sganciare neanche sulla capitale siciliana.
Virarono quindi verso Cagliari (altro obiettivo di ripiego) per bombardare il porto e l'idroscalo di Elmas.
Ad Elmas furono distrutti alcuni aerei tedeschi e nel porto un motoveliero (l'Araldo) e poche altre piccole imbarcazioni.
Quindi, anche questa volta, pochi danni alle installazioni militari e tanti agli edifici e agli abitanti della città.

"Nel pomeriggio di ieri aeroplani avversari bombardavano Cagliari, provocando notevoli danni; 73 morti e 286 feriti fra la popolazione."

Bollettino di guerra n. 1008 del 27 febbraio 1943

"Per l'attacco al convoglio alleato in avvicinamento, forze di bombardieri devono essere trasferite qui il 27/2."
2184 / T12

Allied Intelligence (ULTRA)

27 FEBBRAIO 1943

"Per la sistemazione degli elementi del KG.26 (approssimativamente 700 uomini con equipaggiamento) sono richieste tende etc. etc..
Allo stato attuale VILLACIDRO è in grado di ricevere solo altri 55 uomini."
2195 / T14

Allied Intelligence (ULTRA)

28 FEBBRAIO 1943
-
BOMBARDAMENTO DI GAGLIARI.
Poiché il bombardamento del 26 aveva ottenuto scarsi risultati dal punto di vista militare, praticamente, solo effetti collaterali, due giorni dopo i B 17 americani tornarono per completare l'opera.
Questa volta l'atteso risultato militare fu ottenuto in quanto notevoli danni furono arrecati al porto e alle navi all'ancora, all'arsenale e a vari edifici militari di Castello.

"Su Cagliari e Palermo, veivoli avversari hanno lanciato ieri numerose bombe, colpendo edifici pubblici e abitazioni civili; accertati finora circa 200 morti e qualche centinaio di feriti a Cagliari;..."

Bollettino di guerra n. 1010 del primo marzo 1943

Le foto 1 è tratta da: The Thunderbird goes to war - 34 th Bombardment squadron
A Diary of the 34th Bombardement Squadron In World War II
edited, Compiled and Published by O.K.EARL
Printed by Braun-Brumfield, Inc. Ann Arbor, MI - August, 1991;.
Foto 2, cortesia Mr. G. Underwood - http://www.web-birds.com/12th/310th/310th.htm;
La foto n. 3 è tratta da: La portaerei del Mediterraneo, M. Coni - F. Serra, Della Torre, 1982

 
    Pag SUCCESSIVA

  Su  

© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo