Il Villacidrese

dizionario meteo

Piccolo dizionario meteo

 

AVVENIMENTI CLIMATICI STORICI

 

 

 

 

Previsioni tempo

 

La nevicata del 1985

lavatoioL’inverno 1984-85 fu un avvenimento che è rimasto nel cuore di tutti gli appassionati di meteorologia, lo abbiano vissuto o no.

Purtroppo non ho nessun dato scritto di quella stagione, poiché ho iniziato a descrivere quotidianamente il tempo il 19 ottobre 1985. Quindi devo fare affidamento soltanto sulla mia memoria.

L’estate 1984 si presentò normale con luglio abbastanza stabile e caldo soprattutto verso la fine. Agosto, invece, risultò essere molto instabile e temporalesco, e già indicava in cuor mio come poteva essere il prossimo inverno. Settembre continuò sulla falsariga di agosto con numerosi temporali. Ottobre e novembre li ricordo piovosi, ma anche con belle e tiepide giornate di sole.

Dicembre iniziò con tempo molto piovoso e temperato, e questo tipo di circolazione continuò sino al giorno 22. Insomma, fu un autunno ricco di precipitazioni, governato da un tipo di tempo atlantico temperato, ma non caldo. Il 22 dicembre fu l’ultimo giorno di scuola e lo ricordo molto primaverile: nei due giorni successivi qualche cosa cambiò in maniera radicale, e infatti il Natale fu freddo e molto instabile, con frequenti grandinate; eravamo interessati da una perturbazione da nord-ovest. Il 26 la giornata fu ancora più fredda, con presenza di neve intorno ai 1000m.

castangiasMa fu il 27 che cominciò a formarsi lo scenario della grande nevicata: infatti in quella giornata giunse una nuova perturbazione da nord-ovest ancora più fredda di quella precedente e la neve si vedeva scendere sopra i 700m, mentre a fine precipitazione si vedeva bianco sopra i 900m.



Dopo la pioggia l’aria si fece ancora più fredda, e questa situazione durò anche il giorno dopo. Domenica 30 nuove precipitazioni portarono la neve nuovamente sopra i 900m; l’ultimo giorno dell’anno fu contrassegnato da un freddo vento di maestrale. Qualcosa di grosso si stava preparando nel nord-Europa.

Il 1985 si aprì sicuramente con il freddo poiché già il 2 gennaio un nuovo impulso di aria gelida portò nel pomeriggio le prime grandinate. Ma fu il 3 che il freddo si fece veramente intenso e in paese cadde il nevischio per tutta la giornata: la notte prima invece era la grandine che l’aveva fatta da padrone. La neve era presente sui monti già al di sopra dei 600m. Il 4 il cielo era nuvoloso e cadeva ancora del nevischio: il freddo era molto intenso e il pomeriggio, quando uscii a giocare con gli amici, lo sentivo nonostante stessi correndo e saltando. I monti erano di un bianco ghiacciato!

castangias2I preparativi erano finiti e tutto era pronto per il grande evento. Il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, il cielo era nuvoloso e il freddo era intenso: il pomeriggio, guardando “Domenica in” alla tv, venni a sapere che a Roma stava nevicando abbondantemente, quindi il fatto che la neve potesse arrivare anche da me lo sentivo come una cosa certa.

Il giorno dopo, lunedì 7, il sogno si stava trasformando in realtà: al risveglio i tetti delle case erano bianchi e un leggero strato di giaccio ricopriva le strade. Durante la notte aveva nevicato: il freddo era pungente. Alle 8:30 andai a scuola e nel mentre il cielo si stava riannuvolando: prima di entrare a scuola mi accorsi che qualche leggero fiocco stava scendendo.

Entrato in aula appena iniziata la lezione cominciò a nevicare intensamente: la lezione andò a farsi benedire e tutti noi eravamo alle finestre per guardare lo spettacolo. I professori, che erano tutti di Cagliari, erano più eccitati di noi. Nevicò sino a mezzogiorno e appena smise uscimmo anticipatamente.

versoilcarmineTutto era ammantato da un leggero strato di neve; durante il pomeriggio la neve si sciolse sotto i 300m, mentre sopra i 300 gelò.

La sera il cielo divenne sereno, e nella trasmissione “Che tempo fa” Andrea Baroni mise gelo e neve in quasi tutta Italia.

Prima di cenare salii in terrazzo e poiché era luna piena si vedevano i monti chiaramente bianchi: uno spettacolo favoloso.

Il giorno dopo, all’alba stava nevicando e smise intorno alle otto: imbiancò nuovamente tetti e macchine, poi la neve gelò. Andai a scuola, ma lezione non se ne fece poiché eravamo tutti eccitati.

Il pomeriggio il cielo divenne nuvoloso e scendeva qualche rado fiocco: il freddo era intenso.

Quando il sole stava tramontando si alzò forte il vento da nord e insieme arrivò la neve sotto forma di tormenta: nevicò incessantemente tutta la notte sotto il forte vento e la mattina dopo, il famoso mercoledì 9 gennaio, al suolo c’erano almeno 20 cm di neve farinosa.

Bisogna ricordare che la sera prima, appena iniziato a nevicare, la temperatura piombò sotto zero e sulle strade si formò subito uno spesso strato di ghiaccio.

versolapianuraLa mattinata proseguì sotto nevicate intermittenti, mentre intorno all’una ci fu una breve pausa con cielo molto nuvoloso: il vento soffiava forte e si vedeva come riusciva a sollevare la neve dal suolo.

La neve era asciuttissima, segno questo che la temperatura era costantemente sotto zero.

A Cagliari la minima fu di -1° e la massima di 1. Intorno alle due si scatenò un autentica bufera di neve che durò sino alle sette. Ovviamente le scuole erano chiuse: riaprirono lunedì 14 gennaio.


Dalle cinque del pomeriggio del giorno 8 alle sette di sera del giorno 9 si realizzò per me la nevicata perfetta, con temperatura costantemente sotto zero: infatti in questo lasso di tempo in paese non si sciolse un solo grammo di neve.

La notte proseguì con cielo nuvoloso ma senza precipitazioni, il che permise a un po’ di neve di sciogliersi.

ghiaccioliAll’alba del 10 una temporanea schiarita permise alla temperatura di scendere sotto zero, e questo fece formare sui tetti delle stalattiti lunghe 30cm.

Subito dopo dei tuoni annunciarono nuove precipitazioni nevose, che proseguirono a intermittenza sino all’una.

Dopo ci fu un aumento delle temperature e nel tardo pomeriggio si vide scendere qualche goccia di pioggia che poneva termine al fenomeno nevoso.

La nevicata allungò in effetti di una settimana le vacanze di Natale: fu, diciamo così, una nevicata molto natalizia, di quelle classiche da letteratura.

giorni 11 e 12 furono contrassegnati da cielo per lo più sereno e forti gelate notturne. Domenica 13 c’era ancora neve sulle strade e il cielo si fece nuvoloso.

Stava arrivando una perturbazione atlantica che tanta neve portò sul nord-Italia. Questa depressione portò piogge dal 14 in poi e neve sopra i 700m sulle montagne di casa, poi dal 17 la neve si trasformò in pioggia anche in quota e il freddo mollò la presa.


funtaneddaIl mese continuò con altre piogge e negli ultimi giorni ci fu una bella grandinata a chiudere un mese mitico per gli appassionati di meteorologia.

Nel mese di gennaio 1985 ricordo anche una nevicata storica a Los Angeles.

Febbraio lo ricordo con qualche giornata di pioggia, qualcuna con gelo notturno, ma prevalentemente secco e tiepido.

In quel mese ricordo che un ondata di freddo portò la neve abbondante ad Atene.


Di altro stampo fu marzo: il 2 iniziò a piovere, e la pioggia continuò giornalmente sino al 20, tanto che le finestre esposte alla pioggia non chiudevano tanto era gonfio d’acqua il legno.

funtanedda2
In questo periodo di maltempo, la notte tra il 16 e 17 arrivò un blocco di aria fredda che portò la neve a Roma il giorno 17, mentre qui c’erano intense grandinate e neve sui monti sopra i 700m.

Il giorno 18 la neve arrivò anche in paese sotto forma di violenti rovesci di nevischio e monti molto bianchi sopra i 500m.

Nel tardo pomeriggio del 18 in paese la temperatura era di soli 2°C.

Il giorno dopo continuarono deboli grandinate, poi il mese si chiuse con tempo più stabile che fece calare il sipario su quell’inverno mitico.

Mondo

 

Altri avvenimenti storici: La nevicata del 1935

 

Su
 

© Tutti i diritti sono riservati.

by pisolo