Pagina principale | Da visitare | Informazioni | Come | Ricettività | Manifestazioni e feste | Storia | Tradizioni | Il paese | A...VillacidroAssociazioni | Produzioni | Comunità | Trova | Calcola | Gioca | Notizie

 

Villacidro - Informazioni

PERSONAGGI

A. Giorri
B. Camedda

 

Invia

 

 

PERSONAGGI VILLACIDRESI

Come un soffio è la nostra permanenza su questa terra.
Molti passano lievemente, altri lasciano tracce più evidenti.
A tanti la comunità deve riconoscenza
a essi vada questo ricordo.

Dormono sulla collina

Dormono sulla collina
Dove se n'è andato Elmer
che di febbre si lasciò morire
Dov'è Herman bruciato in miniera.
Dove sono Bert e Tom
il primo ucciso in una rissa
e l'altro che uscì già morto di galera.
E cosa ne sarà di Charley
che cadde mentre lavorava
dal ponte volò e volò sulla strada.

Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina.

Dove sono Ella e Kate
morte entrambe per errore
una di aborto, l'altra d'amore.
E Maggie uccisa in un bordello
dalle carezze di un animale
e Edith consumata da uno strano male.
E Lizzie che inseguì la vita
lontano, e dall'Inghilterra
fu riportata in questo palmo di terra.

Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina.

Dove sono i generali
che si fregiarono nelle battaglie
con cimiteri di croci sul petto
dove i figli della guerra
partiti per un ideale
per una truffa, per un amore finito male
hanno rimandato a casa
le loro spoglie nelle barriere
legate strette perché sembrassero intere.

Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina.

Dov'è Jones il suonatore
che fu sorpreso dai suoi novant'anni
e con la vita avrebbe ancora giocato.
Lui che offrì la faccia al vento
la gola al vino e mai un pensiero
non al denaro, non all'amore né al cielo.
Lui sì sembra di sentirlo
cianciare ancora delle porcate
mangiate in strada nelle ore sbagliate
sembra di sentirlo ancora
dire al mercante di liquore
"Tu che lo vendi cosa ti compri di migliore?"

De André da E.L. Masters, L'antologia di Spoon River

 
Un matto
(dietro a ogni scemo c'è un villaggio)

Tu prova ad avere un mondo nel cuore
e non riesci ad esprimerlo con le parole,
e la luce del giorno si divide la piazza
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
e neppure la notte ti lascia da solo:
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro.

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz’ora basta un libro di storia,
io cercai d’imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky e malfatto,
continuarono gli altri fino a leggermi matto.

E senza sapere a chi dovessi la vita
in un manicomio io l’ho restituita:
qui sulla collina dormo malvolentieri
eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,
qui nella penombra ora invento parole
ma rimpiango una luce, la luce del sole.

Le mie ossa regalano ancora alla vita:
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
"una morte pietosa lo strappò alla pazzia"

De André da E.L. Masters, L'antologia di Spoon River

 

 

 

"Stavamo insieme nei ranghi schierati,
stavamo insieme in vita.

Perciò uguale croce ed uguale onore
furono a noi dati sulla tomba.
Ora ci riposiamo dall'infuocata lotta
e consolati aspettiamo l'eternità."

 

Riportiamo qui notizie su alcuni personaggi di Villacidro, non citati nella sezione DEDICATE A...

Non sono quelli più noti, ma coloro che comunque hanno lasciato il segno del loro passaggio sul nostro paese o che hanno avuto un ruolo e che si sono distinti per il loro impegno, sia del passato che contemporanei.

 

 

Su

.


© Tutti i diritti sono riservati.
by pisolo